Kamagra Bestellen erectiepillen kopen Cialis Kopen Viagra Sildenafil Sandoz viagra pillen kopen Viagra Kopen Viagra Cialis Cialis Levitra Cialis Levitra Levitra Viagra Levitra Cialis Viagra

DIVIETI DI AMPUTAZIONE: LA SITUAZIONE FRANCESE

pubblicato da Redazione,   il giorno 14/06/2004, alle ore 10:28


 Fonte: http://info.canin.eur.free.fr/Francais/Information/info.htm

 

Traduzione a cura del Dott. Daniele Proietto.

***************************

Il taglio delle orecchie …è finito!

 

Il decreto n° 2004-416 dell’11 maggio 2004 recante la pubblicazione della convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, redatta a Strasburgo il 13 novembre 1987 e firmata dalla Francia il 18 dicembre 1996 (1) è stata pubblicata con l’Ordine del Giorno n° 115 del 18 maggio 2004 pag. 8784.

 Questa legge riguarda l’acquisto, la detenzione, il commercio, l’allevamento, la crescita, pubblicità, esposizione, interventi chirurgici…

Aspettavamo la pubblicazione di questo decreto e la legge entrante in vigore il giorno successivo. 

L’articolo 7 concernente l’allevamento è molto breve: “Nessun animale da compagnia deve essere allevato in modo pregiudizievole per la sua salute e il suo benessere, in particolare forzandolo a superare le sue capacità o la sua forza naturali o utilizzando dei metodi artificiali che provochino delle ferite o dolori inutili, sofferenze o angosce”. 

Per ciò che concerne le operazioni chirurgiche, l’articolo 10 precisa: 

“1. Gli interventi chirurgici destinati a modificare l’aspetto di un animale da compagnia o ad altri fini non curativi devono essere vietati e in particolare:

a)     il taglio della coda;

b)     il taglio delle orecchie;

c)      il taglio delle corde vocali;

d)     l’asportazione delle unghie e dei denti;

2. Eccezioni a questi divieti non devono essere autorizzate tranne:

a)     se un veterinario considera un intervento non curativo necessario sia per delle ragioni di medicina veterinaria sia nell’interesse di un animale particolare;

b)     per impedirne la riproduzione.

3. a) Gli interventi nel corso dei quali l’animale subirà o rischierà di subire dei dolori considerabili non devono essere effettuati se non sotto anestesia  e da un veterinario, o sotto il suo controllo.

c)      Gli interventi che non necessitano di anestesia possono essere effettuati da una persona competente, conformemente alla legislazione nazionale.” 

Per ciò che concerne il taglio della coda è precisato alla fine del decreto: 

“In applicazione del paragrafo 1 dell’articolo 21 della Convenzione, il Governo della Repubblica francese dichiara di non essere legato dalla riga a del paragrafo 1 dell’articolo 10.”  

Attenzione: la Francia è ricompresa come gli altri paesi nel divieto di tagliare la coda. Ha fatto uso del diritto di riserva previsto per questo intervento di convenienza, che non può essere ricondotto eternamente.